04 maggio 2010

Torta di ricotta

Oggi è il compleanno di Irene e finalmente giorno di sospensione della dieta ferrea. Da un pò di tempo non preparavo il dolce alla ricotta, tra l'altro semplice da fare, e mi è sembrato l'ideale.



Ingredienti: 
200 gr di biscotti Oro Saiwa con gocce di cioccolato, 100 gr di burro, 500 gr di ricotta, 4 uova, 150 gr di zucchero, zucchero a velo per guarnire.
Tritare i biscotti con il mixer ed aggiungere il burro fuso. Foderare con la carta forno il fondo di una tortiera ad anello mobile.  Stendere il composto e lasciar raffreddare.




Intanto sbattere i tuorli con lo zucchero, aggiungere la ricotta setacciata. Montare a neve gli albumi ed unirli alla ricotta, senza smontarli.




Tagliare due strisce di carta forno e foderare i bordi dello stampo. Versare la crema, mettere in forno già caldo a 170° per 40 minuti. Lasciar raffreddare e cospargere di zucchero a velo.
Ottima anche con l'aggiunta di uvetta, magari ammollata nel rum, canditi o pezzetti di cioccolato.

4 commenti:

  1. nonnageca stamani ho avuto il piacere di assaggiare la tua torta alla ricotta. come sai non sono golosa ma sono rimasta senza parole....buonissima!!!!! vorrei provare a farla ma cosa intendi per " setacciare la ricotta?"
    Complimenti ciao
    Enrica

    RispondiElimina
  2. Per evitare che restino dei grumi, la passo attraverso un setaccio o anche un colino a trama fitta. Oppure prima di mescolarla la schiacci ben bene con una forchetta. Così vedrai ti resterà bella soffice e morbida. Buon lavoro.
    Ciao Susi

    RispondiElimina
  3. Ho seguito attentamente le dosi della torta. di sapore è ottima ma è un pò bassa, molto bassa rispetto alla tua. quasi sempre i miei dolci risultano bassi come mai?
    Enrica

    RispondiElimina
  4. Forse non hai montato bene le uova. I tuorli, con lo zucchero, devono essere ben spumosi quando aggiungi la ricotta. E poi soprattutto gli albumi a neve fermissima, da mescolare con delicatezza per non smontarli. Subito in forno già caldo. Riprovaci, magari la prossima volta la facciamo insieme.

    RispondiElimina